È arrivata Immuni!

  • by

Articolo aggiornato il 15 Giugno 2020.

Con molto ritardo, e dopo molti annunci, è approdata sui negozi di Apple e Google l’ormai famosa applicazione Immuni, dedicata alla segnalazione di possibili contatti contagiati da COVID19.

Ti lascio in questo articolo qualche informazione utile se vuoi utilizzarla e sapere come funziona.

Non la trovo, dove si scarica?

Per scaricare l’applicazione è sufficiente collegarsi al suo sito ufficiale, dove trovi i link sia per i dispositivi di Apple, che per Android.

https://www.immuni.italia.it/download.html

Mi è arrivato un link via email / whatsapp / sms, posso scaricarla da lì?

No, non utilizzare link provenienti da fonti non ufficiali. Sono già stati diffusi diversi tentativi di truffa e virus mascherati da informazioni sull’applicazione, quindi non fidarti.

L’app è già attiva in tutta Italia?

Sì, dal 15 Giugno l’app è attiva su tutto il territorio nazionale in ogni sua funzione.

No, per il momento è utilizzabile in Liguria, Puglia, Abruzzo e Marche. Questo perché la parte relativa alla segnalazione di chi è positivo richiede l’intervento di un operatore sanitario. Nelle prossime settimane il sistema sarà attivo anche nel resto d’Italia. L’applicazione è comunque installabile ovunque se si vuole intanto vedere come funziona, l’ho testata personalmente.

È complicata da installare?

No, la procedura è molto semplice, a patto che il tuo telefono sia compatibile. L’applicazione è installabile su tutti i dispositivi Apple con iOS 13.5 o Android con sistema superiore al 6. A causa della guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina è incompatibile anche con tutti i più moderni dispositivi di Huawei (venduti nel 2020), ma gli sviluppatori stanno lavorando affinché sia distribuita anche dal negozio del produttore cinese.
Una volta scaricata, l’applicazione ti guida in tutti i passaggi con schermate molto semplici. Puoi trovare alcuni esempi qui.

Devo inserire i miei dati personali e i miei contatti?

No, l’applicazione è anonima e richiede soltanto di sapere la tua regione e provincia di residenza.

Ho provato a installarla e mi ha chiesto di attivare le Notifiche di esposizione…non mi fido, cosa sono?

È un servizio che serve per far funzionare applicazioni come Immuni, creato da Google e Apple proprio per renderne standard e più sicuro il funzionamento. Ho spiegato cosa significa e come trovarlo su Android in questo video.

Come funziona il tracciamento? È sicuro per la privacy?

In generale l’applicazione è stata progettata per essere il più possibile rispettosa della privacy. Funziona attraverso dati scambiati dal sistema Bluetooth e non salva la posizione tramite il GPS (anche se richiede che il GPS sia attivo, a causa di un’impostazione dei sistemi operativi).
Se vuoi saperne di più sul funzionamento tecnico di Immuni e alcune sue criticità, puoi seguire il mio breve webinar che ho tenuto qualche settimana fa sull’argomento.

Quindi, consigli di installarla?

Dal punto di vista della privacy, come scrivevo nel punto precedente, almeno in linea teorica l’applicazione è sicura, salvo presenza di bug o errori che saranno eventualmente rilevati col tempo.
Siamo in una fase di decrescita della pandemia, quindi potrebbe sembrare ormai inutile utilizzarla, ma in realtà applicazioni come queste servono proprio quando i casi sono pochi e i nuovi focolai rischiano di passare inosservati. In previsione di una possibile seconda ondata autunnale, quindi, potrebbe essere uno strumento utile.
Rimangono naturalmente tutte le perplessità sul fatto che finché non sarà istituito un sistema di tracciamento medico (tamponi) serio e affidabile, attualmente inesistente, l’app da sola è un’arma spuntata.

Hai qualche altro dubbio o perplessità su Immuni? Chiedi a HelpO!

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.